Indietro con le analisi di coscienza…

 
E’ tanto che non sto solo veramente in questa stanza
Infatti sono indietro con le analisi di coscienza
Ho maturato debiti con la mia introspezione
(…)
Quindi adesso sto in silenzio e ci rifletto
(…)

Oggi mi son preso un giorno di pausa. Avrei voluto un giorno di pausa da un sacco di cose: lavoro, impegni, "mente", ma sono riuscito solo a prendermene uno dal corso di salsa. Non è tanto ma a dire il vero non è neppure poco.

Oggi sentivo la necessità di "mettermi in pari con le analisi di coscienza", o forse era solo voglia di non fare nulla… di starmene mani in mano a respirare un po’ (dopo aver fatto gli straordinari al lavoro, è ovvio!! :P).

In effetti non è neppure una pausa vera e propria: ho saltato il corso per lavorare qualche ora in più, ma questo comunque mi ha "regalato" almeno un paio di ore di posa… un paio d’ore fermo.

In questi ultimi giorni sono finito nuovamente nel circolo vizioso della "superattività". Devo starci attento, appena mi distraggo un attimo mi ritrovo in un baleno ad avere più impegni che tempo. Mi accade ciclicamente, se non faccio attenzione è facilissimo per me venire inglobato nel turbine delle cose da fare, delle promesse da mantenere. Un po’ sicuramente è il tipo di lavoro che faccio che mi porta a dover essere sempre "sul pezzo" sempre "updated", un po’ invece è il mio modo di essere, la mia indole.

Sono curioso, mi interesso ad un sacco di cose, mi impegno in mille attività fino a saturarmi le giornate (e anche un po’ le nottate) perdendo però la possibilità di "respirare" e magari di godere appieno delle cose che faccio.

E’ un circolo perverso: se rinuncio a qualcosa che mi interessa per ritagliarmi uno spazio libero, poi non riesco a godermelo perchè rimpiango la cosa alla quale ho rinunciato… Allo stesso tempo, se porto avanti tutti gli interessi che mi si accavallano in questa vita… mi ritrovo poi a lagnarmi di non aver tempo per stare da me e con me… sentendomi quasi scivolare via i momenti…

Per tacere la paura che hai nel cuore

(…)
Lascio scorrere a fatica le giornate
Strade, occhi, stringi bene i denti
(…)
Tempesta nel mio mare tra ragione e sentimento
(…)
E spesso ho paura di avere paura

Forse ho solo bisogno di ritrovare un equilibrio un po’ più stabile, di scoprire un modo nuovo di vivere, di inventarmi un nuovo me.. uguale a me.

 
Ho bisogno di cambiare rimanendo sempre uguale
 
(…)
Dietro la tua cicatrice
Che cosa c’è
Una storia brutta o una felice?
Bho..allora 10 piegamenti

…10 piegamenti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: